“Poison” è il primo singolo del nuovo disco dei VENAVIOLA un brano molto duro sulla problematica dei rifiuti videoclip girato a Sant’Arcangelo Trimonte

“Poison” è il primo singolo ufficiale di “Smash-Up”, il nuovo disco dei VENAVIOLA uscito il 6 maggio 2011.
Il video, ideato e diretto da Umberto Rinaldi , è stato girato in larga parte a Sant’Arcangelo Trimonte (BN), città protagonista del brano.

Liberazione mentale dal “veleno” di alcune informazioni tendenziose e volutamente allarmistiche che sfruttano l’idea dell’emergenza per far accettare di tutto alla popolazione. Questo il messaggio di “Poison“, il videoclip realizzato dal regista Umberto Rinaldi (Vocidentro Films) del brano dei VenaViola (band indie/trip-hop beneventana) singolo estratto dal loro ultimo album “Smash Up” uscito lo scorso mese di maggio.

Il videoclip è stato presentato on-line sul sito ufficiale dei VenaViola (www.venaviola.it) lunedì 19 dicembre e su tutte le maggiori piattaforme video in Rete.

Un lavoro nato dall’incontro tra due “idee artistiche” (VenaViola e Umberto Rinaldi) da sempre attente alle problematiche sociali, specialmente quelle ambientali. (I VenaViola sono stati gli autori di diversi lavori targati “Vocidentro“).

Il tema del nuovo binomio VenaViolaRinaldi è stato “Poison” una brano molto duro sulla problematica dei rifiuti e del conseguente inquinamento, la scelta di Sant’Arcangelo Trimonte è stata fatta non solo per un fatto di prossimità territoriale ma proprio per il fatto che le vicende di questo piccolo paesino di 600 abitanti, che cerca da anni di opporsi all’occupazione definitiva del proprio suolo da parte di tonnellate di rifiuti, sembrava quella più adatta ad incarnare quel senso di frustrazione e di irrequietezza che il brano trasmette.

“Il video  – ha affermato il regista Umberto Rinaldi – da un lato vuole essere una sintesi “documentaristica” degli ultimi due/tre anni di eventi intorno alla discarica. Ovviamente si tratta più che altro di suggestioni e flash della memoria che hanno lo scopo di non dimenticare tutto ciò che è avvenuto e che aprono il campo ad una seconda parte totalmente immaginaria, che trae ispirazione però dai momenti immediatamente successivi alla crisi dei rifiuti del 2008-2009. La situazione in quel periodo era caratterizzata, tra le altre cose, dall’imposizione di un clima di stampo militare in cui per i cittadini era difficile anche esprimere il proprio dissenso verso le decisioni prese sulla propria pelle”.
I protagonisti di “Poison” sono due giovani ma già affermati attori beneventani come Maurizio Tomaciello e Viviana Altieri che si stanno facendo strada nei teatri italiani e che hanno partecipato con passione e professionalità al progetto dando valore aggiunto alla storia che i VenaViola e Rinaldi hanno deciso di raccontare: “L’idea – ha continuato Rinaldi –  è quella di tenere viva la memoria rispetto a delle scelte non proprio edificanti fatte dagli organi decisionali negli ultimi anni ma parallelamente a quello di lanciare un messaggio di speranza. Poison infatti, attraverso la fuga dei due protagonisti, vuole lasciare un messaggio di speranza affinchè alla liberazione dal veleno fisico e ambientale si accompagni anche una forma di liberazione mentale dal “veleno” di alcune informazioni tendenziose e volutamente allarmistiche che sfruttano appunto, l’idea dell’emergenza per far accettare di tutto alla popolazione”.

Hanno contribuito alla realizzazione del videoclip, sia comparendo che fornendo il loro supporto in altro modo, tante altre persone a cominciare da Giovanni Bocchino che, come sempre nei lavori Vocidentro, ha curato la fotografia (sia sul set che in post-produzione) e le riprese che anche questa volta abbiamo effettuato con le reflex full HD, riprendendo alcune riprese già realizzate nell’estate 2009 con lo stesso sistema (anche se non siamo stati i primi… e probabilmente non saremo neanche gli ultimi a utilizzarlo!!).

I VenaViola sono: Veta (Teresa Viglione), Gaetano Vessichelli, Anna Salzano ed Angelo Cusano.  Un grazie particolare a Pierluigi Sellitto, Leonardo Iarrusso, Quirino Tirelli, Laura Viglione ed un grazie particolare ad Alessandro Paolo Lombardo per i frammenti video delle proteste ai cancelli della discarica di Contrada Nocecchie a S.Arcangelo Trimonte e al CODISAM di S.Arcangelo Trimonte per la loro disponibilità e il loro sostegno durante la relizzazione del video.

Acquista “Smash-Up” su http://www.venaviola.it/newsite/?page_id=265
Visita il sito ufficiale dei VENAVIOLA http://www.venaviola.it
Segui i VENAVIOLA su Facebook http://www.facebook.com/VenaViola

Annunci

Video: Sant’Arcangelo Trimonte il paese delle discariche D.O.C.

Pubblichiamo alcuni video di cittadini e persone comuni che hanno voluto in questi mesi documentare la vicenda di Sant’Arcangelo e le sue discariche.

Striscia la Notizia a Sant’Arcangelo Trimonte OTTOBRE 2006

Breve reportage sulla discarica Fibe di Sant’Arcangelo Trimonte, dove sarà impiantato un nuovo sito da 900.000 metri cubi di rifiuti

di Elisabetta Landi

5 Aprile 2008: Musica vs Munnezza

Case pericolanti nei pressi della discarica

Sant’Arcangelo Trimonte vs discarica:L’Assise di Napoli

Sant’Arcangelo Trimonte vs discarica:L’Assise di Napoli 2

Sant’Arcangelo Trimonte vs discarica:L’Assise di Napoli 3

Sant’Arcangelo Trimonte vs discarica parte2

Discarica Sant’Arcangelo Trimonte (BN): inizio lavori 23 aprile 2008

di pensierorosso

25 aprile corteo anti-discarica Sant’Arcangelo Trimonte (BN)

di pensierorosso

Primo Maggio corteo no mega discarica arrivo Sant’Arcangelo

Primo Maggio corteo nvasione pacifica discarica

Ringraziamo tutti i Cittadini che hanno lottato con tutte le forze contro la discarica ma ha vinto il potere forte delle istituzione contro l’inerme cittadino.

Ma ora si deve continuare a stare uniti perchè si deve vigilare sui rifiuti che sverseranno in discarica. Sono già stati fermati 4 camion provenienti da Napoli colmi di rifiuti radiattivi. Il Codisam già l’aveva prospettato questo scenario. I poteri forti della politica non dovranno vincere!! I cittadini vanno tutelati e non fatti morire a poco a poco con sostanze nocive portate qui contro il volere di una cittadinanza ormai stanca e stufa.

Sant’Arcangelo continua a respirare……….

26 giugno 2008 Sant’Arcangelo Trimonte: intervento del presidente Codisam Nicola Colangelo alla presentazione della “Piattaforma dei rifiuti” del PMLI

26 giugno 2008 Sant’Arcangelo Trimonte: intervento del presidente Codisam Nicola Colangelo alla presentazione della “Piattaforma dei rifiuti” del PMLI in Piazza San Pietro.

L’emergenza che non c’era – Inchiesta RaiNews24

L’emergenza rifiuti in Campania è stata creata ad hoc. Già erano presenti discariche e luoghi in cui traferire la “monnezza”. Guardate questa inchiesta di Rainews24 e dopo chiedetevi:

C’era bisogno di costruire una megadiscarica a Sant’Arcangelo Trimonte?

Meditate gente…meditate!

Manuela Lasagna ha prodotto un’inchiesta per conto di RaiNews24 (scaricabile qui) che dimostra come la cosiddetta “emergenza rifiuti” in Campania in realtà è architettata ed orchestrata dall’alto affinché perduri nel tempo.

L’inchiesta parte dall’intervista a Walter Ganapini, assessore all’ambiente della regione Campania, fatta da Matteo Incerti del Meetup di Napoli, nella quale tra le altre cose Ganapini denuncia come ci siano impianti già pronti, fra cui una discarica perfettamente regolare da 600mila tonnellate pronta da 6 anni, misteriosamente dimenticati. Modernissimi impianti di Trattamento Meccanico Biologico tra i migliori d’Europa boicottati. Ora che il fatto è stato scoperto e denunciato sui media da Ganapini, nessuno sembra intenzionato a tenerne conto. Una breve ed ottima inchiesta imperdibile e riportata su youtube nei video che seguono e che invito a diffondere il più possibile.

L’emergenza che non c’era – Inchiesta RaiNews24 – Parte 1/2

L’emergenza che non c’era – Inchiesta RaiNews24 – Parte 2/2