Sant’Arcangelo Trimonte, paese-discarica: un anno ai piedi di Monte Monnezza

Il 25 giugno 2008 sarà trascorso un anno da quando il primo camion di rifiuti sversò il suo non ambito carico nel lotto 1 della discarica di Contrada Nocecchia a Sant’Arcangelo Trimonte. Allora era un enorme incavo, oggi è una ammasso gigantesco ormai che, visto dal centro del paesino, nasconde finanche la silhouette della Dormiente del Sannio. Saranno infatti 700mila le tonnellate di immondizia che la discarica dovrà contenere prima dello stop. La zona è stata sempre presidiata dai militari. Nessuno può entrarvi, se non i membri del Commissariato di Governo per l’emergenza rifiuti in Campania e il sindaco di Sant’Arcangelo, di fatto responsabile del controllo del sito. Nel più piccolo comune sannita, circa 700 abitanti, la gente però permane incredula.

mappa discarica

A pochi giorni dal primo, maledetto “compleanno”, entriamo in casa di uno dei suoi abitanti, alle porte del paese. E’ una palazzina a tre piani. Dal balcone del soggiorno si vedono una massa informe d’immondizia e i camion che rumoreggiano intorno, andando su e giù, alzando polveroni. Uno della famiglia, un 27enne, mi descrive tutti i particolari dei miasmi mattutini respirati nel corso di questi mesi.
Anche a Sant’Arcangelo il 6 e 7 giugno è stato eletto il nuovo sindaco, Romeo Pisani (era vicesindaco della scorsa Amministrazione), dopo più di 5 mesi di commissario prefettizio, giunto a seguito della caduta della maggioranza dell’ex sindaco Aldo Giangregorio. Né, nel disgraziato anno trascorso, sono mancate le frane. L’ultima, la più grave, nell’agosto 2008: una lunga spaccatura che ha interessato il lotto 4.

A ottobre, poi, il dramma: la morte del geometra Pasquale Russo, di soli 19 anni, rimasto schiacciato da un mezzo cingolato durante i lavori per la realizzazione della seconda vasca della discarica. Nell’ultimo mese, invece, due principi di incendio hanno investito di nuovo il lotto 4. Tra i rifiuti si è alzata una coltre di fumo nero. Le fiamme sono state spente con della terra dai tecnici della Daneco che si occupa dei lavori sul sito e dai Vigili del Fuoco. Infine, un’altra piccola frana di rifiuti nel lotto 3, inizialmente previsto come area di bonifica delle altre due discariche sottostanti: una comunale e l’altra “Fibe” regionale. La prima realizzata nella metà degli anni ’90, la seconda nei primi del 2000.

La nuova normativa
La settimana scorsa è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale un’ordinanza che concede alle Province più potere sulla gestione del ciclo rifiuti. Dopo un lungo tira e molla con il Commissariato, la Provincia di Benevento, tramite l’assessore all’Ambiente Gianluca Aceto e l’intervento dell’assessore regionale al ramo, Walter Ganapini, ha ottenuto un ruolo per il controllo dell’aria e del percolato che risiede sotto quei teloni di plastica. E’ prevista la nomina di due periti chimici dell’Università degli Studi del Sannio per il monitoraggio dell’inquinamento e la convenzione con un laboratorio ad hoc, oltre a quelli della Daneco e dell’Arpac.

Il Codisam (Comitato Difesa Salute e Ambiente), composto da 21 cittadini di Sant’Arcangelo e inserito in una rete di altri analoghi comitati regionali, si è da sempre battuto per la tutela della salute degli abitanti del posto, denunciando l’inadeguatezza di Contrada Nocecchia per il deposito dei rifiuti. Abbiamo incontrato alcuni di loro al piano terra di una palazzina del paese. Carte alla mano e tanti schemi della discarica disegnati a penna. “Quello che noi annunciavamo è ora sotto gli occhi di tutti – ha dichiarato il presidente del Codisam, Nicola Colangelo –, dopo due anni le paventate frane sono diventate realtà. Siamo stati i primi, inoltre, nel novembre del 2008 a proporre la nomina di chimici per il controllo dei danni ambientali. Si è perso tanto tempo ma, se non altro, alla fine ci siamo riusciti. Questa nuova ordinanza ci riempie di gioia e ci dà anche molta soddisfazione per il risultato raggiunto”.

Gli animali la stanno pagando
Anche un agricoltore di 43 anni vuole dare la sua testimonianza a un anno dai primi sversamenti. La sua è una famiglia di 5 persone che conduce un’azienda agricola e un’altra di bestiame, nel territorio di Apice e in quello confinante di Sant’Arcangelo, a circa un chilometro dal sito dell’immondizia. Le condizioni igieniche del luogo sono diventate disastrose, secondo il coltivatore. Aveva intenzione di aprire un agriturismo ma ora non gli è più possibile. Nel passato la sua azienda, ai tempi della prima discarica regionale, perse 7 capi di bestiame. Un tragico evento dovuto, secondo l’uomo, al foraggio dato in pasto ai buoi, contaminato dalle sostanze chimiche sprigionate dai rifiuti. Fa anche riferimento ad una strana mutazione genetica di uno dei suoi animali. La famiglia ha chiesto di ricevere maggiori controlli in merito all’idoneità del terreno e delle acque utilizzate. Fino ad adesso non hanno avuto risposte dai tecnici e dalle associazioni di categoria.

“Una vacca marchigiana – ha quindi dichiarato -, nata qualche mese fa, ha una testa molto simile a un mulo, in effetti è la prima volta che capita e non so se possa essere riconducibile alla discarica. Ogni commerciante che acquista le nostre vacche, inoltre, cerca sempre di abbassare il prezzo di mercato fino a dimezzarlo: il danno economico è enorme”.

Le frane annunciate
Nel marzo del 2008 fu nominato come geologo fiduciario del Codisam, Vincenzo Briuolo, successivamente entrato nella commissione tecnica comunale. Il tecnico, insieme al geologo Roberto Pellino, tracciò una relazione dalla quale emergeva che soprattutto la parte che interessava la costruzione dei lotti 2 3 e 4 non era idonea. La zona, infatti, era interessata da movimenti franosi dovuti alla morfologia del terreno. L’80% dei rifiuti viene e verrà sversato proprio in questa area (circa 500mila tonnellate su 700).

Briuolo ora è seduto accanto ai membri del Codisam e non può fare a meno di scrivere su un foglio di carta tutto quello che gli viene in mente: “Nell’agosto 2008 c’è stata una frana nel lotto 4. Il geologo Vincenzo Coccolo, nominato dal Commissariato di Governo, inizialmente supportò le nostre osservazioni in virtù di quel palese collasso. Successivamente, non capimmo perché, non si espresse con i tecnici del Governo, non disse nulla. Anzi, ci dissero che non c’erano problemi. Nel lotto 3, circa un mese fa, si è aperto un varco di circa tre metri di larghezza tra i rifiuti. Quel lotto, secondo il progetto del Commissariato di Governo, era adibito a bonifica delle vecchie discariche di Sant’Arcangelo (una comunale e una regionale NDR). Sono trascorsi 10 anni e ancora l’aspettiamo”.

La stranezza delle palificate
Poi fu la volta delle palificate, tre in tutto. Una a ridosso dei lotti inferiori per metterli in sicurezza e una per tenere saldi gli argini delle vasche. Un’altra ancora è stata realizzata sotto il lotto 1, attualmente, ricolmo di rifiuti. “Sono sempre stato accanto agli abitanti per tutelarne i diritti e la salute – continua Briuolo – , quello che vedo lo racconto, senza forzature. Che bisogno c’era di spendere migliaia di euro per mezzo chilometro di palificate, se hanno assicurato che non ci sono pericoli di frane? Allora, avevamo ragione noi? I pali sono stati realizzati della lunghezza di circa 20 metri. Ma i carotaggi realizzati dai tecnici rilevarono, io ero presente, che il terreno idoneo per la sostenibilità della palificata era a circa 35 metri. Questo mi fa pensare che quei pali dovevano essere lunghi il doppio”.

La discarica non cesserà di vivere allo stop dei rifiuti. C’è la fase post-mortem nella quale l’immondizia produce percolato e biogas, sostanza inquinante che ha bisogno di essere sfruttata come energia oppure bruciata. Non si può quindi disperderla nell’aria, è ovvio. “Fin quando i cittadini non avranno la garanzia di un monitoraggio accurato dell’aria e delle falde acquifere, da parte di chimici fiduciari, potranno ancora pensare che quel sito è inquinante – dichiarano i membri del Comitato – ”.

Il sindaco non crede al Comitato
Il neoeletto sindaco, Romeo Pisani, già al Comune in passato per due mandati, esprime invece scetticismo nei confronti del Codisam perché, a suo parere, è schierato politicamente. La lista del candidato sindaco uscito sconfitto, infatti, era vicina alle istanze del Comitato. Inoltre, manifesta la volontà di rivedere l’impianto della Commissione tecnica comunale.

Pisani, raggiunto telefonicamente dal Quaderno.it, dichiara di voler puntare la sua attività amministrativa sulla salvaguardia della salute dei suoi concittadini e respinge chi lo accusa di essere il responsabile della nascita della discarica: “Io ho sempre insistito sul fatto che la responsabilità maggiore risiede nell’ex Presidente della Provincia, Carmine Nardone, il quale ha assegnato autonomamente il sito di Sant’Arcangelo. Il decreto è stato approvato il 12 maggio del 2007 dal Consiglio dei Ministri. C’è una delibera, inoltre, del Consiglio Comunale che prevede la possibilità di modificare o integrare la Commissione tecnica della discarica.

Non metto in dubbio la professionalità dei tecnici nominati, come ad esempio il geologo Briuolo, ma è nei miei diritti chiamare a raccolta i professionisti del settore per valutare tutte le possibilità.
Anche io trovo ingiusta questa discarica presidiata militarmente. Sono nato e vivo a Sant’Arcangelo: quando mi alzo la mattina la vedo dalla finestra di casa mia. Abbiamo gli strumenti per controllarla, ma relativamente. Gli accorgimenti per risolvere i problemi li approntano sempre i tecnici del Commissariato. Il dissesto idrogeologico esiste da sempre, lo prevede già il nostro Piano regolatore”.

Il sindaco è in attesa di ricevere alcuni milioni di euro di finanziamento per la messa in opera di strade, fognature e infrastrutture, una sorta di premialità per i paesi che ospitano immondizia.
Ma questi premi, ai cittadini di Sant’Arcangelo non li invidierà nessuno…
a cura di Lorenzo Palmieri (fonte http://www.ilquaderno.it)

Annunci

2 thoughts on “Sant’Arcangelo Trimonte, paese-discarica: un anno ai piedi di Monte Monnezza

  1. Los Angeles 6.29.09
    Al Sindaco
    Egregio seguo la situazione per il Vs.grave problema per gli abitanti,causa la vicinanza della discarica.Mi permetto di offrite le ns/tecnologie e le ns/esperienze per risanare quanto con qesto mare di rifiuti che contengono una quantita’ di veleni estremamente daanosi per la salute siano da eliminare.
    Dai prossimi giorni proveremo a creare un contatto telefonico,prego
    considerare che siamo a +9 ore’
    Speriamo di poter collaborare nell’interesse di tutta la cittadinanza.
    Aldo Caretti President & Ceo
    Caretti family Group Inc
    investments@cfgi.biz

  2. la discarica di Sant’Arcangelo,creata dal Degreto PRODI,con lacordo tra Bassolini e Nardone,nulla da fare per impedire la nuova Discarica,era possibile, bloccare con il sequestro del territorio, pulrtoppo tra comitato,una parte della popolazione,che anno creato solo spettacolo contro la spazzatura,solo per conflitti di denaro,e la grande scalata in politica per gestire il denaro,per eventuale vittoria alle votazioni pultroppo ando molto male,continuando a rompere i COGLIONI io perdono solo per un semplice motivo sono dei poveri montati mentali saluti Aldo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...