Comunicato Stampa Coordinamento Regionale Rifiuti sugli arresti nell’ambito dell’inchiesta rifiuti

Raffica di arresti in Campania nell’ambito dell’inchiesta sui rifiuti. A finire in manette quindici persone, tra le quali il presidente della provincia di Benevento, Aniello Cimitile.
L’indagine è centrata, in particolare, sui collaudi degli impianti di combustibile da rifiuti (Cdr), oggi riconvertiti in impianti per la trito vagliatura. I collaudi, falsati, hanno determinato la produzione di rifiuti da smaltire non conformi.
Numerose le ordinanze di custodia cautelare a carico di esponenti politici, professori universitari, funzionari della Regione Campania. Titolari dell’inchiesta sulla gestione dei rifiuti a Napoli durante la gestione commissariale i pm Giuseppe Noviello e Paolo Firleo. Gli altri arrestati, tutti ai domiciliari, sono: Oreste Greco, professore universitario; Giuseppe Sica, architetto; Claudio De Biasio; Vincenzo Naso, docente di ingegneria alla Federico II; Vittorio Vacca, ingegnere, direttore del Termovalorizzatore di Acerra; Vittorio Colavita; Alfredo Nappo; Vitale Cardamone, ingegnere; Rita Mastrullo, docente di fisica alla Federico II; Filippo De Rossi, ordinario di fisica; Luigi Travaglione ufficio tecnico Benevento; Mario Cini e Francesco Scalingia. Molti di questi nomi sono noti ai comitati ed alle associazioni campani impegnati da anni sulla questione rifiuti, e non di certo per la loro competenza e trasparenza.
Tutti, da destra e da sinistra, esprimono la loro solidarietà alle persone coinvolte, professionisti e tecnici ” che sapranno dimostrare l’infondatezza delle accuse”, vista la complessità tecnica della questione. Ancora una volta la politica si chiude a difesa di se stessa. Deprimente, in particolare, l’intervento dei politici sanniti che, nel dichiarare la loro solidarietà al Presidente Cimitile, tengono a sottolinearne il coinvolgimento in quanto tecnico e non come presidente della provincia, e sottolineano l’inopportunità di interventi della magistratura a pochi giorni dalle elezioni, pur esprimendo ipocritamente la loro fiducia nelle indagini.
La nostra posizione è, invece, di pieno appoggio alla magistratura ed auspichiamo che essa non sia ostacolata nel suo lavoro e che possa celermente portare alla luce tutte le illegalità verificatesi nella gestione dei rifiuti nella nostra regione. Più che solidarietà, noi esprimiamo preoccupazione per il sistema di corruzione e illegalità che l’intreccio di interessi economici e politici ha creato, determinando la possibilità di una gestione scellerata e illegale del ciclo di smaltimento dei rifiuti, con grave danno economico ma soprattutto ambientale e sanitario. Che possano esistere tecnici che, al riparo delle loro competenze mai messe in discussione contro ogni evidenza, dichiarino il falso, a danno dei cittadini e dei territori che dovrebbero tutelare, per interessi economici o per compiacere politici e imprese da questi favorite, è qualcosa da cominciare finalmente a denunciare e sanzionare. I problemi che viviamo sono proprio frutto di questo sistema corrotto, in cui controllati e controllori risultano essere allo stesso modo coinvolti in scelte sbagliate e fatte solo per coprire inefficienze, sprechi e interessi illeciti. Questo è un altro passo verso il ripristino della verità e della legalità, nonostante tutti gli ostacoli frapposti da chi non vuole che si faccia finalmente chiarezza e si torni alla legalità. Come Coordinamento di vari comitati ed associazioni campane che da anni denunciano tutto ciò, ribadiamo la nostra determinazione a vigilare affinché verità, legalità e giustizia finalmente trionfino anche in questa regione martoriata e violentata da chi finora ha confidato nell’impunità garantita dal sistema. Un sistema che abbiamo contribuito, e, ancora con più determinazione, contribuiremo a far crollare anche con il nostro impegno nel denunciare e nell’informare.

CO.RE.Ri.
Sito: http://www.rifiuticampania.org
Email: contatti@rifiuticampania.org

Annunci

One thought on “Comunicato Stampa Coordinamento Regionale Rifiuti sugli arresti nell’ambito dell’inchiesta rifiuti

  1. COME RESPIRARE DI NUOVO ARIA PULITA, TRA LE FABBRICHE

    SPALIC nasce da una ricerca mia personale, da Ricercatore Scientifico ed ingegnere meccanico, durata dal 1988 fino al 1994, per eliminare dall’aria di Pomezia la puzza dell’asfalto della Fabbrica Bitogum, ma è un sistema pensato per risolvere ogni problema di ottenere ARIA RESPIRABILE, dove dominano la puzza di mondezza o di altro, i miasmi di fogna, i fumi degli pneumatici bruciati, i fumi di mondezza con diossine di tutte le qualità, o la polvere come si verifica durante certe giornate ventose estive.

    SPALIC è stato classificato a Siviglia, presso il Centro Europeo di valutazione delle tecnologìe, come la B.A.T. ad emissione zero : Best Available Technology – Migliore tecnologìa disponibile a basso costo, per separare dall’aria le polveri, le nebbie anche oleose, ed i gas inquinanti, comprese le puzze, per capire.

    Se un deposito di mondezza puzza, lo si copre con un tetto in policarbonato, lo si collega ad un aspiratore, che convogli su SPALIC aria e puzze, e SPALIC SEPARA L’ ARIA DALLE PUZZE, che dovranno poi essere eliminate bruciandole o per altra via, ma a basso costo.

    Se poi quella puzza è gas Metano, allora lo si può utilizzare per la combustione, come fanno in Svizzera, usando SPALIC.

    Se un inceneritore o altro impianto puzza, lo si ricopre con un tetto in policarbonato, lo si collega ad un aspiratore con gruppo SPALIC, e si risolve il problema, qualunque sia il prodotto inquinante presente nell’aria, con due sole eccezioni :

    SPALIC non riconosce e quindi non separa dall’ aria i due gas CO ed NO perché sono gas biatomici come l’aria, la cui formula si ricorda, è composta di due gas biatomici O2 ed N2.

    SPALIC consente di preservare la respirabilità dell’aria nella navetta spaziale, in quanto cattura la CO2 ed il Metano, (due gas ad effetto serra), nonché puzze, vapori ed odori emessi da persone, dalla cucina, dai bagni, ecc…

    Quindi SPALIC è anche di interesse per la NASA.

    Questo è il mio quinto brevetto, ed è quello che voglio sviluppare, a dispetto delle mafie del CANCRO, che lo vogliono nascondere e mi hanno fatto la guerra, in molti modi.

    Perché SPALIC difende la gente dal cancro al polmone, ed è quindi un’invenzione nettamente a favore della SALUTE.

    Cerco industrie, in America, che mi aiutino a sviluppare un’applicazione di SPALIC per uso privato, per la salute delle persone malate di asma.

    Se qualcuno usa SPALIC, ossia la DEPURAZIONE DI ARIA PER MEZZO DI CONDENSAZIONE SOTTO COMPRESSIONE, vi prego di informarmene, e riceverete, se è vero, un buon premio in denaro e la certezza che non rivelerò il vostro nome.

    Saluti

    Dr. Ing. Romano De Simone
    Inventore di SPALIC e proprietario del brevetto originale, fin dall’Ottobre 1994.
    Tutti i brevetti di depurazione si aria per condensazione sotto compressione sono nati dopo il 2001, e sono tutti contraffazioni del mio.
    Ma il mio costa poco : non importa il denaro, ma il rispetto dei diritti e della legge.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...