Finalmente si muove qualcosa!

logo-codisam

Comunicato Stampa

Finalmente si muove qualcosa!

Quando il Comune di S. Arcangelo Trimonte ha preso in gestione la discarica di località Nocecchia, il sindaco Aldo Giangregorio è stato indicato come “una delle persone che stava contribuendo, in maniera determinante, affinché la crisi dei rifiuti campani andasse verso una decisa risoluzione”, permettendo ai politici di cavalcare la prima ondata positiva su un tema scomodo in Campania e, non nascondiamolo, anche a livello nazionale.
Il comune sannita iniziava un difficile iter tecnico-amministrativo con cui si proponeva di controllare al massimo quel particolare impianto industriale. Grazie alla disponibilità del CODISAM, che aveva prodotto tutta una serie di osservazioni, anche tecniche, nel maggio 2008, i cittadini potevano avere notizie e documenti semplicemente collegandosi ad un sito che di lì a breve sarebbe stato bollato come “militare di interesse strategico nazionale”. Grazie alla presenza di un rappresentante del CODISAM, nettamente a favore dei cittadini, all’interno della Commissione Tecnica comunale, la popolazione ha sempre saputo, anche contro la volontà politica di una parte comunale, quello che accadeva in discarica. Purtroppo con il decreto Berlusconi le analisi chieste dai cittadini, tramite la Commissione tecnica, non sono state del tutto ottemperate. Dopo una serie di denunce pubbliche, non ultima quella effettuata a Casalbore il 23.2.09, rappresentata direttamente al pref. Reppucci, venerdì 13 marzo è entrata in gioco l’ARPAC nella figura del dott. Boffa. In base al verbale stilato in discarica, alla presenza della commissione tecnica comunale e da questa sottoscritto, partiranno tutta una serie di analisi, atte a monitorare la discarica e l’ambiente circostante a tutela soprattutto della salute dei cittadini. Il monitoraggio sarà effettuato in continuo, così come richiesto dai cittadini, ed i risultati saranno portati a conoscenza della Commissione, la quale potrà così informare i cittadini.
Per arrivare a questo risultato, che finalmente pone le prime basi per la tutela della salute pubblica, ci sono voluti 8 mesi di continue diatribe e discussioni, talvolta anche estremamente accese, tra i tecnici del commissariato e il CODISAM!
Per il momento di concreto c’è solo il documento; su alcune tipologie di misure ci sarà un incontro con la commissione e la Daneco, direttamente negli uffici ARPAC, per avanzare eventuali richieste, legittime, dei cittadini…..Perchè il sito è, sì, militare ma la salute dei cittadini è un diritto costituzionale. Monitorare attentamente tutto e diffondere i risultati, positivi o negativi che siano, è un dovere di uno Stato democratico.
Il CODISAM nella sua integrità ed operatività difenderà il territorio Sannita, così come ha sempre fatto, avvalendosi della collaborazione del coordinamento regionale, delle popolazioni interessate e dell’Assessore Aceto. Non abbasseremo la guardia, continueremo a difendere l’ambiente, la salute dei concittadini e la vivibilità sul territorio.

S.Arcangelo 18.03.2009
Il CODISAM

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...