Bertolaso e l’amianto nella cava del Poligono di Chiaiano

Stamani avevamo convocato una conferenza stampa sotto palazzo Salerno per pretendere verita’ e rispetto del diritto alla salute su quello che succede nella cava del Poligono a Chiaiano. La comparsa del commissario Bertolaso, che partecipava alle celebrazioni in piazza Plebiscito, ci ha offerto l’occasione per fargli ascoltare, molto sonoramente, il nostro dissenso e la nostra rabbia per una gestione in spregio del diritto della verita’ e della salute. E anche per dichiarazioni arroganti come quelle di ieri del generale Giannini.
Secondo l’investigazione dal basso del presidio di CHiaiano e Marano, da giorni il commissariato aveva trovato i rifiuti tossici,  in particolare le decine di migliaia di tonnellate di amianto, e aveva preso a sbarazzarsene sversandolo semplicemente e abusivamente in una vasca li vicino. Quando questo e’ venuto fuori, al presidio, il Commissariato ha inscenato  la pantomima di inviare finalmente i carabinieri del NOE…!!
Un’ulteriore dimostrazione della considerazione che il Commissariato ha dei diritti dei cittadini!
Poi le parole arroganti di Giannini, che dimentica di spiegarci pero’ come le indagini ambientali, tanto pubblicizzate a luglio, erano riuscite a ‘non vedere’ una discarica tossica di queste dimensioni!
 
A questo punto ci chiediamo quali altri veleni ci siano nella discarica e nelle zone adiacenti…
Percio’ sabato i cittadini di Marano e Chiaiano tornano in piazza ancora una volta (Manifestazione con appuntamento alle ore 16.00 dalla rotonda Titanic del Presidio) e chiederanno:
 
– Blocco dei lavori (pericolosissimi anche per i lavoratori) e bonifica immediata dell’intera area
– Rinuncia a quest’autentica bomba ecologica che sempre piu’ dimostra di essere il progetto di discarica 
– Smilitarizzazione dell’area
– Non movimentare decine di migliaia di tonnellate di uno dei piu pericolosi agenti cancerogeni (l’amianto) senza verificare tutte le condizioni di sicurezza non solo dei lavoratori ma della gente dell’area. Ricordiamo che si tratta di una delle aree, ad esempio,  col piu’ alto tasso di tumori alla tiroide in Italia. 
– Chiediamo il sequestro dell’intera area per la sicurezza degli abitanti (Come successo a Pianura) 
– Di effettuare gli accertamenti di polizia giudiziaria prima che l’amianto sia rimosso. Perche’ e’ fondamentale anche appurare come migliaia di tonnellate di amianto in sacchi dell’Enel siano finiti nella cava!
 
 
Giovedi’ alle 15.00 incontro con gli studenti in agitazione che gia’ hanno organizzato incontri pubblici (a piazza Dante) sul rapporto tra saperi e democrazia ambientale. Il presidio di Chiaiano e Marano sara’ percio’ presente in solidarieta’ con gli studenti al loro corteo di venerdi e gli studenti saranno presenti al corteo di Chiaiano di Sabato
 
 
 
Comitato in difesa delle cave di Chiaiano e Marano
Rete Campana Salute e Ambiente
Annunci

One thought on “Bertolaso e l’amianto nella cava del Poligono di Chiaiano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...