Sant’Arcangelo Trimonte, domani pomeriggio consiglio comunale congiunto

Domani 15 Maggio 2008 Alle 16,00 in piazza le assemblee civiche di S. Arcangelo, Paduli, Apice e Buonalbergo: la questione sul tavolo del prossimo Consiglio dei Ministri di Napoli

Limitare i danni. Questa la missione impossibile che ora viene perseguita a Sant’Arcangelo Trimonte. A Contrada Nocecchie i lavori per la realizzazione della discarica continuano a spron battuto. La prima delle quattro vasche prevista è quasi terminata ed a breve potrebbero anche cominciare ad arrivare i rifiuti. In tutto, è previsto il conferimento di 700 mila metri cubi di spazzatura che, probabilmente, avranno un impatto ambientale senza precedenti per una zona prevalentemente agricola. A Sant’Arcangelo Trimonte non ci sono professionisti della rivolta come a Chiaiano. La gente , sino ad ora, ha protestato un modo pacifico cercando di far capire le proprie ragioni. Già per due volte , quello che il più piccolo comune del Sannio, ha espresso la propria solidarietà all’emergenza rifiuti in atto nella nostra regione. L’immondizia è arrivata sempre a Contrada Nocecchie e quelle due discariche non sono state mai bonificate. L’area si trova, praticamente, di fronte al paese, un pugno di case che conta seicento abitanti,. Ma solo a pochi chilometri si trova contrada Torre di Paduli che conta circa 1100 abitanti. Ma i pericoli maggiori arrivano dall’impatto ambientale. A pochi metri dalla discarica scorre un ruscello che è uno dei tanti affluenti del fiume Calore. Una fuoriuscita di percolato provocherebbe un rischio inquinamento senza precedenti per un corso di acqua che già negli anni scorsi ha visto calare il suo livello.. Senza contare che la fuoriuscita di percolato porterebbe il problema nel cuore della città di Benevento.
Domani pomeriggio, con inizio alle ore 16,00, nella piazza centrale di Sant’Arcangelo Trimonte, si riuniranno in maniera congiunta i consigli comunali del piccolo centro e di Paduli, Apice e Buonalbergo. Alla riunione è stata invitata anche la deputazione nazionale e regionale sannita. Si chiederà di portare il problema direttamente sul tavolo di Silvio Berlusconi che mercoledì 21 maggio riunirà a Napoli il consiglio dei ministri per cominciare a venire a capo dell’emergenza rifiuti. Si può solo sperare che il cavaliere accetti di incontrarli e di capisca le giusta ragione di una zona che rischia di morire, seppellita dai rifiuti. La richiesta è di.far entrar in funzione solo una vasca che ha una capienza di 150 metri cubi di rifiuti E dividere in modo solidale l’altro quantitativo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...